EQUINOZIO AUTUNNO 2012

 

Interpretazione del Grafico

 

Nel percorso annuale del Sole nel tempo e nello spazio terrestre siamo arrivati all’equinozio di autunno 2012, il 22 Settembre alle ore 15.A Milano a quell’ora ascende il segno dell’ Acquario a 2°, che richiama Saturno in esaltazione in Bilancia in IX casa. La nona casa è quella legata al segno del Sagittario, la giustizia, i viaggi, l’espansione in generale. Saturno tende a frenare questa smania espansionistica della nona casa, con il risultato che molte delle nostre iniziative diventano sterili, se non sono state programmate con sufficiente accuratezza. In quello stesso spazio, la nona casa, c’è la minacciosa presenza di Marte in Scorpione, congiunto Nodo Nord e Medio Cielo, quadrato Venere in Leone in VII casa. Gli sforzi ed i tentativi di migliorare la situazione attuale presentano parecchie difficoltà,che creano stress, fastidi e ritardi se il nostro orgoglio (Venere in Leone) non è in sintonia con le nostre reali forze, quelle forze necessarie per superare i nostri problemi. E’ necessario e utile fare i conti con i nostri stati d’animo, e anche con le nostre riserve di energie fresche. Il surmenage, lo stress prolungato, può avere riflessi negativi sul nostro stato di salute.

 

Più in là, in XI casa troviamo la fase Lunare in Sagittario stimolata dalla quadratura di Urano ai primi gradi dell’ Ariete quasi a significare che il bene più prezioso in questo momento è l’amicizia, la comprensione, la condivisione, non solo per gli stretti membri della famiglia e del clan, ma in una visione più allargata, la generosità deve rivolgersi a 360 gradi verso chiunque ha bisogno, verso il singolo individuo più che per i gruppi di persone.

 

La seconda casa, quella delle finanze, è in Pesci. Situazioni a volte drammatiche per quanto riguarda il danaro che hanno bisogno di revisione, pulizia e nuove sane abitudini da parte di tutti (Sole e Mercurio in Bilancia in VIII casa). Infine Giove in Gemelli (in detrimento) indica che “la malattia” della nostra società moderna va scovata e curata “in casa”, è una sorta di virus che si trasmette nell’ambiente, e va curata non cercando di cambiare agenti esterni ma rinnovando l’aria stessa (il modo di pensare) che respiriamo, e rinnovando gli spazi mentali per lasciare spazio a nuove idee.

 

IN SENSO ESOTERICO

 

L’equinozio in senso esoterico narra dell’ultima tappa, il Trionfo e la Rinascita.Il cammino spirituale è arrivato ad una specie di traguardo, ma non è tempo di riposare ma di riordinarsi e riassettarsi per un nuovo ciclo. Bisogna essere in grado di risorgere dalle proprie ceneri, così come fa la Fenice alla fine del proprio ciclo di vita. Presso i Celti ad esempio si festeggiava la festa intermedia di Harvest Home. Era tempo di raccolto e di doni per gli altri e per gli dei. Nella Roma antica, nelle grotte sacre dedicate a Mithra, si svolgevano i riti iniziatici con l’uccisione simbolica del Toro Cosmico che rappresentava l’Oro Filosofale o potenza generatrice. Gli Antichi tutti, celebravano in modo particolare questi momenti dell’Eterna Trasformazione, momenti di riflessione, raccoglimento e ringraziamento per i frutti della terra e per le esperienze maturate nel corso dell’anno (l’anno esoterico finisce a settembre). La Dea si prepara al sonno e il Dio al suo regno oscuro. Il sole scende letteralmente agli “inferi” e le tenebre cominciano a prevalere sulla luce. Il ciclo produttivo e riproduttivo è concluso, con l’autunno le foglie cominciano ad ingiallire e gli animali iniziano a fare provviste in previsione dell’inverno. E’ tempo di interiorità. La Madre Terra entra in una fase di riposo.

 

“Grande Madre ti ringraziamo, mentre la Ruota dell’anno vediamo girare.

 

Noi nutriamo corpo e spirito e per la tua abbondanza di cui noi godiamo, Profondamente ringraziamo.”

 

E’ questo un momento di passaggio molto critico dove la barriera tra il mondo visibile e quello invisibile è molto sottile. Il senso esoterico “della perdita della luce e della capacità di vedere” che si incontra nel viaggio verso l’oscurità appena iniziato va combattuta in tutti i modi usando il “terzo occhio” oppure la nostra capacità di vedere anche e specialmente con gli occhi chiusi. Il periodo equinoziale di autunno è chiamato anche Michaelmas o Michael Superno (simile a Dio), il giorno dedicato all’arcangelo di fuoco e di luce alter ego di Lucifero. E’ il principe e comandante supremo delle schiere celesti, l’arcangelo di luce che con al sua spada di fuoco sconfisse Satana e, pertanto, considerato il protettore della Chiesa Cattolica Romana, nonché il santo patrono della nazione ebraica. L’Arcangelo Michele aiuta il raggiungimento del successo, dell’affermazione e facilita la lotta per il superamento degli ostacoli o contro il male. E’ l’angelo solare abbinato all’elemento fuoco. E’ l’Arcangelo della luce e del fuoco, il suo nome, Michael, Ma-Ha-El, significa “Il Grande Dio” o “Simile a Dio”. Infatti, in sanscrito, Maha significa “grande” e El sta per Dio (e così pure in antico Egiziano ed Ebraico). Forte, giovane e bello, nei dipinti rinascimentali viene ritratto con indosso un’armatura. E’ il principe e comandante supremo delle schiere celesti, pertanto viene considerato il protettore della Chiesa Cattolica Romana, nonché santo patrono della nazione ebraica. In quanto alla predilezione degli umani nei confronti di Michael, divenuto familiarmente: San Michele Arcangelo, è probabilmente dovuta dal fatto che gli venne attribuito uno dei compiti più importanti, quello della lotta contro le Forze del Male. Michael è colui che protegge i credenti, libera le loro case, distrugge le opere di magia nera e sortilegio, chiaramente svolge una funzione insostituibile, quindi è un collaboratore amato e venerato, sia dagli umili che si sentono protetti, che dai potenti che s’identificano con Lui. Bellissimo, splendente di luce, circonfuso di vittoria, è “l’Arcangelo solare” per eccellenza. Indossa la corazza e brandisce la spada con cui ha sconfitto l’eterno nemico: Satana, raffigurato quasi sempre come un serpe o un drago strisciante. Nella tradizione infatti, Michael il guerriero, il protettore dalle insidie che provengono dalle forze Oscure, è la roccaforte della luce, il baluardo nei confronti delle tenebre. La sua spada fiammeggiante, oltre a trafiggere il drago, squarcia il buio, sconfigge le tenebre e riporta ai suoi protetti il conforto della Luce. Il suo è il ruolo centrale di capo delle armate Celesti, il vincitore della Bestia, il vincitore per eccellenza di tutte le battaglie. Questo suo aspetto di guerriero vittorioso ed invulnerabile gli assicurerà il grande favore da parte di tutti gli eserciti, i soldati ed i regnanti di tutte le epoche. Sul piano umano, l’Arcangelo Michael aiuta il raggiungimento del successo, l’affermazione, facilita la lotta per il superamento degli ostacoli. La tradizione lo vede assimilato a tutto quanto concerne al Potenza in tutti i suoi aspetti positivi. E’ invocato in centinaia di formule per la protezione dai sortilegi e dalle opere di magia nera. Come Angelo Solare, elemento Fuoco, domina la costellazione del Leone, dell’Ariete e del Sagittario. Il culto di San Michele era molto sentito nell’Europa pre-rinascimentale tanto che circa la metà delle chiese presenti erano a lui dedicate.
EQUINOZIO AUTUNNO 2012ultima modifica: 2012-09-21T13:21:18+02:00da pabloandres
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento